business.jpg

La Nostra Mission

Introduzione delle migliori prassi internazionali di Management, Economia, Finanza.
Sviluppo di idee innovative, metodologie e strumenti di gestione per aiutare le imprese a sviluppare la propria cultura aziendale.
FITOUSSI, JEAN PAUL Stampa E-mail

 
Jean Paul FitoussiProfessore Emeritus di Economia, Sciences-Po, Parigi e Università Luiss, Roma. Coordinatore della Commissione Stiglitz-Sen-Fitoussi, "Commission on the Measurement of Economic Performance and Social Progress" (CMEPSP) , Parigi.

TEMI E AMBITI PRINCIALI :

politica economia europea, sistema di governo europeo, economia del benessere, economia della sostenibilità, teorie dell'inflazione, disoccupazione, commercio estero; ruolo della politica macroeconomica, dell'integrazione economica e della transizione.
 

 
PROFILO PROFESSIONALE:

Professore Emerito all’ Institut d'Etudes Politiques de Paris (SciencesPo), Parigi e Professore all’ Università LUISS Guido Carli , Roma, Jean-Paul Fitoussi è anche membro del Centre for Capitalism and Society at Columbia University. Dal 2013 è Co-Chairman del HLEG (gruppo di esperti di alto livello presso l’OCSE) sul “measurement of Economic Performances and Social Progress”.

Dal 1995 al settembre 2014 è stato membro della Commission économique de la Nation.
Dal 1990 al 1993, he contributed to the creation and the development of la BERS.
Dal 1997 al 2012 è stato membro del Comitato di ananlisi economica del Primo Ministro francese. Dal 1990 al 2010 è stato Presidente del OFCE.
Dal 2004 al 2017 è stato membro del Consiglio di Amministrazione di Telecom Italia, dal 2010 al 2016 membro del Consiglio di Sorveglianza di Intesa SanPaolo e dal 2013 al 2014 membro del Consiglio di Amministrazione di Pirelli SpA. Dal 2016 è membro del Consiglio di Amministrazione della Banca Sella Holding.


Ha pubblicato numerosi articoli su riviste scientifiche internazionali su temi quali: inflazione e disoccupazione, teroia macroeconomica dell’econoia aperta, teorie macroeconomiche, politica e integrazione europea. Sui medesimi temi ha inoltre pubblicato numerose monografie e saggi.

Tra i suoi ultimi libri ci sono:

- Mismeasuring our lives, con Joseph Stiglitz e Amartya Sen, the New Press, 2010;
- After the Crisis, the Way Ahead, con Edmund Phelps, Christopher Pissarides e al., Luiss University Press, 2010
- Report on the State of the European Union, con Jacques Le Cacheux, Palgrave, 2010
- Le théorème du lampadaire, Les liens qui Libèrent, 2013 (publicato da Einaudi)
- Measuring What Counts with Josph Stiglitz e Martine Durand, The New Press and OCCSE, 2019
- La neolingua dell’economia , ovvero come fare credere a un malato che è in buon salute, Einaudi ottobre 2019.

Il Professor Fitoussi ha collaborato regolarmente con giornali francesi e stranieri ed è editorialista per La Repubblica, Le Monde e Project syndicate.

Dal 2000 al 2009 è stato consulente al parlmaneto Europeo, Commissione Affari economici e monetary. E’ stato inoltre membro della Commissione delle Nazioni Unite per la Riforma del Sistema finanziario e monetario internazionale nonché coordinatore della Commissione per la Misurazione della performance economiche e dello sviluppo sociale (2007-2009).

Il Professor Fitoussi è stato vincitore del Prize of the Association Française de Sciences Economiques e del Rossi Prize of the Académie des Sciences Morales et Politiques per il suo PhD Nel 2013 ha ricevuto dall’ Association française de sciences économiques il premio per il Libro dell’Anno per Le theoreme du lampadaire. Ha ricevuto in 2016, insieme a Joseph Stiglitz e Amartya Sen, la medaglia d’oro della Society for Progress per il loro lavoro sul benessere e la sostenibilità. Ha anche ricevuto in 2017 il premio Pico della Mirandola per la sua opera.

Ha ricevuto onoreficenze tra cui la nomina a Preside onorario della Facoltà di Economia di Strasburgo, la laurea honoris causa dalle università di Buenos Aires e Tres de Febrero, il titolo di Professore onorario dall’Università di Trento. E’ Officier de l’Ordre National du Mérite e Officier de la legion d’honneur della sua nazione, Grand Officier de l’ordre de l’Infant Henri in Portogallo e Grande Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana.